Home / Insights / Il punto sul mercato di Integrae SIM
Insights 28 Lug 2022

Il punto sul mercato di Integrae SIM

“La musica può rendere gli uomini liberi” (Bob Marley)

Il colosso mondiale del private equity basato a San Francisco TPG, dotato di un patrimonio da $120 miliardi, è entrato nel capitale di Musixmatch, piattaforma italiana dei testi musicali che vanta tra i propri clienti i colossi della silicon valley come Apple, Google e da poco Spotify. La società vanta il catalogo più ampio del mondo, con testi in 80 lingue, una rete di oltre un milione di artisti certificati e rapporti con più di 100mila editori musicali in tutto il mondo. Una bella soddisfazione per il nostro ecosistema dell’innovazione e l’industria dell’intrattenimento che, con l’esplosione delle piattaforme di fruizione on demand, è diventato uno dei beni più ricercati. La notizia arriva nel giorno del risveglio del tech americano: Nasdaq +4% grazie all’ok da parte del Senato Usa a un mega piano da $280 miliardi di aiuti di Stato per rafforzare l’industria tecnologica nazionale e riportare nel Paese la produzione di microchip. Ininfluente quindi l’effetto dei tassi da parte della FED: +75 punti base come previsto. Incremento pari del mese scorso, il quarto aumento consecutivo del costo del denaro con l’obiettivo di combattere l’inflazione, salita a giugno al 9,1%, massimo dal 1981.

La banca se desta

I risultati di Unicredit sono stati molto solidi sia a livello patrimoniale che economico. Per la banca d’affari guidata da Andrea Orcel si è trattato del migliore semestre degli ultimi 10 anni con un profitto netto pari a €1,5 miliardi, +67% su base annua, nonostante i costi legati al ridimensionamento del business in Russia. Le stime degli analisti sono state batture e il titolo ha archiviato la seduta in rialzo del 9% trascinando con se tutto il comparto bancario e l’indice FTSE 40 che ha terminato in rialzo dell’1,5%, migliore piazza finanziaria d’Europa. Ciò nonostante la salita, sino a 250 punti, dello spread BTP-Bund, dopo il taglio dell’outlook sul rating italiano da parte di S&P. ll fatto che uno dei principali istituti bancari italiani goda di ottima salute fa presumere che lo stesso stesso accadrà quando riporteranno le altre banche a cominciare da Intesa Sanpaolo che viene da un anno record con oltre €4 miliardi di profitti. L’Italia, conferma quindi quanto riportato dall’FMI, siamo un Paese resiliente alla crisi geopolitica in corso. Merito degli italiani.

Non c’è alternativa al gas russo

Oggi è stato raggiunto un nuovo livello record dei prezzi del gas: 225 euro a megawattora, 10 volte i livelli di un anno fa. Le industrie energivore rischiano di essere schiacciate dai costi crescenti della bolletta. Vetro, carta, cemento, chimica, ceramica, acciaio sono settori industriali che stanno soffrendo enormemente e vanno aiutati in questa fase, pena la drastica riduzione delle produzione. Molte industrie hanno avviato manutenzioni straordinarie in anticipo cui seguiranno le ferie estive. Ma uno stop temporaneo, di 40-50 giorni, dell’attività non sufficiente per allontanare i rischi di un blocco produttivo che avrebbe ricadute pesanti sulla nostra economia. Ciò nonostante l’Italia stia performando meglio, sul piano industriale, di altri Paesi dipendenti dal gas russo. Il problema è che per difendersi dal caro bolletta si può solo “risparmiare”. Il Piano dell’Unione Europea per il prossimo inverno si basa esclusivamente su questo presupposto, e nella speranza che il clima non sia troppo rigido. Non sono stati scoperti nuovi maxi giacimenti di gas da quando è scoppiata la guerra. Nel breve si prova a cambiare fornitore, ma la quantità prodotta e quindi disponibile, sarà sempre la stessa. Per fortuna i lockdown in Cina stanno frenando i consumi dell’oriente altrimenti la coperta sarebbe molto corta per tutti.

Informativa
PER NOI LA TUA PRIVACY E’ IMPORTANTE pertanto ti avvisiamo che questo sito utilizza Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento). Per saperne di più a riguardo o negare il consenso ad alcuni o tutti i cookie clicca qui. La chiusura di questo banner, la prosecuzione della navigazione, il semplice “scroll” della pagina o l’accesso a qualunque sezione del sito varrà come consenso alla ricezione di tutti i Cookies elencati. Questa scelta potrà essere modificata in ogni momento attraverso il link “Cookie policy” in fondo alla pagina.